L’idea di inconscio dalla mistica medievale alla psicologia del profondo

Nella nostra percezione ordinaria, il concetto di inconscio è un prodotto – il prodotto – della psicanalisi freudiana. È stato Freud in effetti, sin dalla Interpretazione dei sogni (1899), a suggerirci che «l’io non è più padrone in casa propria». Fu Freud ad osservare, sotto la superficie della coscienza, un continente sommerso di istinti, pulsioni, […]

Per condividere:

L’apocalittica ebraica e l’espansione della coscienza

Ai lettori di oggi il termine “apocalisse” fa pensare all’imminente fine del mondo quale lo conosciamo, dovuta a catastrofi climatiche, guerre atomiche o attacchi extraterrestri. Nella letteratura religiosa antica tuttavia, il termine apocalisse (dal lat. apocalypsis, gr. ἀποκάλυψις) significa semplicemente «rivelazione». Questa è l’accezione della parola anche nel Nuovo Testamento, raccolta che l’Apocalisse di Giovanni, […]

Per condividere:

L’esoterismo: il nome e la cosa

  In vari post di questo blog parleremo di “esoterismo” – specie in relazione alla questione delle pratiche autopoietiche, o di autotrasformazione, e degli stati modificati di coscienza. Ma non abbiamo l’ardire di affrontare tali tematiche senza una preliminare messa a punto terminologica. Hic sunt leones Ciò è necessario perché dietro il termine esoterismo si […]

Per condividere:

Gli sciamani greci

Baron Arild Rosenkrantz, “Fredens Temple” (1943) Gli storici dell’antichità hanno rilevato che nel periodo classico (V secolo) sembra emergere nella cultura greca una nuova credenza, o addirittura un nuovo “schema di civiltà”, rintracciabile in autori come Pindaro o Senofonte, e poi in Platone ed Aristotele. Si tratta dell’idea secondo cui esiste nell’uomo un innato “potere […]

Per condividere:

L’estasi dionisiaca

«𝙴 𝚚𝚞𝚎𝚜𝚝𝚒, 𝚌𝚑𝚎 𝚑𝚊𝚗𝚗𝚘 𝚒𝚜𝚝𝚒𝚝𝚞𝚒𝚝𝚘 𝚙𝚎𝚛 𝚗𝚘𝚒 𝚒 𝚛𝚒𝚝𝚒 𝚒𝚗𝚒𝚣𝚒𝚊𝚝𝚒𝚌𝚒, 𝚙𝚛𝚘𝚋𝚊𝚋𝚒𝚕𝚖𝚎𝚗𝚝𝚎 𝚗𝚘𝚗 𝚜𝚘𝚗𝚘 𝚞𝚘𝚖𝚒𝚗𝚒 𝚍𝚒 𝚙𝚘𝚌𝚘 𝚌𝚘𝚗𝚝𝚘, 𝚖𝚊 𝚍𝚊 𝚝𝚎𝚖𝚙𝚘 𝚎𝚜𝚜𝚒 𝚒𝚗 𝚛𝚎𝚊𝚕𝚝à, 𝚎𝚜𝚙𝚛𝚒𝚖𝚎𝚗𝚍𝚘𝚜𝚒 𝚒𝚗 𝚏𝚘𝚛𝚖𝚊 𝚎𝚗𝚒𝚐𝚖𝚊𝚝𝚒𝚌𝚊, 𝚏𝚊𝚗𝚗𝚘 𝚌𝚊𝚙𝚒𝚛𝚎 𝚌𝚑𝚎 𝚌𝚑𝚒 𝚐𝚒𝚞𝚗𝚐𝚊 𝚗𝚎𝚕𝚕’𝙰𝚍𝚎 𝚜𝚎𝚗𝚣𝚊 𝚊𝚟𝚎𝚛 𝚛𝚒𝚌𝚎𝚟𝚞𝚝𝚘 𝚕’𝚒𝚗𝚒𝚣𝚒𝚊𝚣𝚒𝚘𝚗𝚎 𝚎 𝚒𝚗𝚌𝚘𝚖𝚙𝚕𝚎𝚝𝚘 𝚙𝚎𝚛 𝚕𝚊 𝚜𝚞𝚊 𝚖𝚊𝚗𝚌𝚊𝚝𝚊 𝚙𝚊𝚛𝚝𝚎𝚌𝚒𝚙𝚊𝚣𝚒𝚘𝚗𝚎 𝚊𝚒 𝚛𝚒𝚝𝚒 𝚖𝚒𝚜𝚝𝚎𝚛𝚒𝚌𝚒, 𝚐𝚒𝚊𝚌𝚎𝚛à 𝚗𝚎𝚕𝚕𝚊 𝚖𝚎𝚕𝚖𝚊, 𝚖𝚎𝚗𝚝𝚛𝚎 𝚌𝚑𝚒 𝚟𝚒 𝚐𝚒𝚞𝚗𝚐𝚊 𝚍𝚘𝚙𝚘 […]

Per condividere:

L’estasi sacra: il profetismo di Delfi

Altrove abbiamo citato il paradosso sapienziale di Platone, secondo cui «i beni più grandi ci vengono dalla pazzia» (τὰ μέγιστα τῶν ἀγαθῶν ἡμῖν γίγνεται διὰ μανίας; Fedro, 244A), dove per “pazzia” bisogna intendere la momentanea sospensione delle attività cognitive ordinarie, prodotta dall’invasamento divino. La prima follia sacra che il filosofo individua è quella “profetica”, sorta […]

Per condividere:

Identificazione e disidentificazione

In un saggio di qualche anno fa intitolato Fuggire da sé. Una tentazione contemporanea (2016) l’antropologo francese David Le Breton illustrava una delle conseguenze più vistose della modernizzazione: l’enfasi posta sull’individuo e sulla sua realizzazione, con la conseguente esigenza, avvertita da molti, di sottrarsi alla pressione sociale tagliando i ponti, isolandosi, e recuperando, tramite la […]

Per condividere:

Antichità classica e stati di coscienza: Platone e l’elogio della follia

“E allora, non è evidente, innanzi tutto, che il filosofo, diversamente dagli altri uomini, per quanto riguarda questo genere di cose, cerca di liberare l’anima dal corpo, quanto più gli è possibile?”.“É chiaro”. (Platone, Fedone, 64E-65A) Se è vero, come scriveva Alfred North Whitehead con un’affermazione iperbolica ma non priva di fondamento, che «tutta la […]

Per condividere: