La coscienza psichedelica

© Joshua Mays Recenti esperimenti con la psilocibina mostrano l’esistenza di due stati-base della coscienza, caratterizzati da diversi livelli di “entropia”. La coscienza primaria, in cui sfumano i confini tra l’io e il mondo circostante, può essere utilizzata in ambito terapeutico ed alleviare i sintomi della depressione Interessanti sviluppi sul fronte dei rapporti tra sostanze […]

Per condividere:

La trance africana

Nella categoria delle cosiddette “religioni estatiche” – basate cioè su un’alterazione della coscienza codificata e ritualizzata – troviamo i  “culti di possessione”. In essi l’unità dell’io si frammenta permettendo l’irruzione di contenuti incoscienti o supercoscienti: una momentanea perdita del sé, una morte simbolica che consente la resurrezione nell’altro da sé. Così, nello spazio e nel […]

Per condividere:

Il sacro secondo Ernesto de Martino: dispositivi rituali e stati di coscienza

Ernesto de Martino (1908-1965) Allievo di alcuni degli intellettuali di spicco della prima metà del XX secolo (Benedetto Croce, Raffaele Pettazzoni e Adolfo Omodeo), Ernesto de Martino (1908–1965) ha esercitato un’influenza decisiva sull’etnologia e sulla storia delle religioni italiane, discipline allora emergenti nel nostro paese. I suoi lavori più noti vertono sul folklore religioso del […]

Per condividere:

La trance sciamanica

Le modificazioni della coscienza irrompono mettendo in crisi il sé ordinario, e facendoci intravedere stati e strutture identitarie “altri”, diversi da quelli abituali. Si tratta di stati naturali, culturalmente codificati, che le istituzioni egemoniche dell’Occidente moderno hanno relegato ai margini della cultura ma che si riscontrano in molte tradizioni religiose, in cui svolgono funzioni culturali […]

Per condividere:

Gli stati di coscienza non ordinari nelle culture

In altri post abbiamo visto che determinati stati di coscienza suggeriscono l’esistenza di facoltà psichiche latenti e superiori a quelle ordinarie, connaturate alle strutture biopsichiche dell’essere umano. Queste esperienze fanno intravedere l’esistenza di un “doppiofondo” della coscienza, di un nucleo identitario più ampio e profondo, il “Sé”. Parallelamente, abbiamo definito le religioni come “tecnologie del […]

Per condividere:

Le sette esperienze interiori della psicosintesi

In altri post abbiamo descritto a grandi linee i quadri teorici della psicosintesi, che abbiamo definito, storicamente, come la prima psicologia transpersonale compiuta. Una psicologia che vede l’uomo come un nucleo energetico e di coscienza che sperimenta se stesso nel corpo, nella psiche e nell’anima, mosso da un’innata spinta alla crescita e alla trasformazione. Si […]

Per condividere:

Di che cosa è il simbolo una cattedrale che brucia

Umberto Eco, che amava molto le cattedrali, e nel suo romanzo migliore  (Il nome della rosa, 1980) ha fatto bruciare un’intera abbazia, scriveva che un simbolo è uno spazio semiotico “aperto”, e racchiude in sé una nebulosa di significati . Se fosse vivo, il filosofo di Alessandria sarebbe probabilmente il migliore analista dell’esuberanza interpretativa del […]

Per condividere:

Dalle personalità multiple alla coscienza cosmica

Abbiamo detto nel nostro ultimo post come dalle ricerche condotte sugli stati alterati di coscienza e vari tipi di “fenomeni psichici anomali” una équipe di psicologi e neuroscienziati americani, britannici e canadesi abbia elaborato una originale teoria della mente, sulle fondamenta della prima psicologia scientifica di Myers e James: una mente vista come un’entità indipendente […]

Per condividere: